Svelata la nuova Boat Tail, ufficialmente l'auto più costosa al mondo

2 min letto

Rolls-Royce ha svelato la seconda vettura del suo trio Boat Tail delle nuove auto più costose al mondo - del valore di oltre 23 milioni di euro ed è un gioiello.

Commissionato da una famiglia segreta - e senza nome - che ha fatto fortuna nel commercio delle perle, il lussuoso Grand Tourer presenta un'esclusiva finitura esterna ispirata alla perla e dettagli interni ispirati alla perla. Ciò include un orologio da cruscotto e una serie di gadget di lusso, report del portale rtv21.tv

Rolls-Royce ha rifiutato di nominare un cliente specifico per l'auto condivisa più costosa del mondo, ma ha affermato che la nuova Boat Tail è stata costruita su misura per lui, "in memoria di suo padre e dell'eredità familiare".

Realizzata a mano presso la sede della Rolls-Royce a Goodwood, nel Sussex, che impiega oltre 2000 persone, l'auto a quattro porte e quattro posti sarà presentata al prestigioso Concorso d'Eleganza a Villa d'Este, sulle sponde del Lago di Como in sabato nord Italia.

Il secondo modello ultra esclusivo di Boat Tail è interamente costruito a mano, con pannelli della carrozzeria modellati da grandi lastre di alluminio singole per creare uno schizzo unico ispirato agli yacht da regata dell'inizio del XX secolo -të.

Dando solo uno sguardo attraente ai nuovi proprietari segreti, Rolls-Royce ha detto: È stato commissionato da un cliente la cui attività di famiglia è cresciuta dalle origini di suo padre all'industria delle perle.

La nuova Boat Tail è inoltre alimentata da un motore V12 da 6.75 litri abbinato a un cambio automatico a otto rapporti.

Tuttavia, è qui che finisce la somiglianza poiché anche questa seconda vettura è una proposta personalizzata unica.

Cosa c'è di nuovo per il nuovo modello Boat Tail ispirato alle perle?

La parte posteriore della limousine ricorda il ponte di uno yacht e si apre come ali di farfalla per rivelare una "suite di accoglienza" da un lato con bicchieri e bottiglie per bevande fredde e analcoliche, e l'altro per servire il cibo./ 21Media