Come sarà Twitter nelle mani di Elon Musk?

4 min letto

Sebbene Elon Musk abbia parzialmente sospeso la sua acquisizione di Twitter fino a quando non viene confermato che gli account falsi rappresentano meno del 5%, il dibattito continua su quale sarebbe questo social network nelle sue mani.

Elon Musk, magnate di Tesla, è diventato il maggiore azionista del social network Twitter poche settimane fa. Non contento di ciò, e dopo intense trattative con il consiglio di amministrazione dell'organizzazione, Musk ha offerto 44,000 milioni di dollari per acquistare l'intera azienda, riporta rtv21.tv.

Ed è che per Musk acquistare questo social network non è solo un investimento. Il magnate ha lanciato una crociata per proteggere la libertà di espressione.

L'obiettivo principale di Musk è quello di riformare le regole della community di Twitter - che stanno diventando sempre più rigide - per consentire a tutti di esprimere la propria opinione su questioni che considerano importanti senza timore di censure.

La domanda è, quindi, come funzionerebbe Twitter nelle mani di Musk?

In un messaggio condiviso sullo stesso social network, il tycoon ha affermato che "la libertà di espressione è la base per una democrazia funzionante e Twitter è la piazza pubblica digitale dove si dibattono questioni vitali per il futuro dell'umanità".
Ed è questa piattaforma che è diventata negli ultimi anni una sorta di campo di battaglia in cui sia i politici di alto profilo che i loro seguaci inviano messaggi, attaccano e danno la loro opinione quotidianamente su questioni di importanza politica. Pertanto, il primo passo "perché Twitter meriti la fiducia del pubblico è che deve essere politicamente neutrale, il che significa effettivamente infastidire sia l'estrema destra che l'estrema sinistra", ha affermato il magnate.

Oltre alla sua lotta alla censura, Musk cerca anche di attaccare la disinformazione presente sul social network e la cui principale causa è l'esistenza di account fake o troll, che sono responsabili della diffusione di messaggi fraudolenti su larga scala e sono controllati da computer.

Il magnate cerca di combattere il problema "creando algoritmi open source per aumentare la fiducia, sconfiggere i bot spam e autenticare tutte le persone", ha condiviso sul suo account Twitter. Rendere Twitter un social network open source significa che chiunque abbia conoscenze di programmazione può partecipare alla creazione di strumenti e soluzioni collettive ai problemi applicativi.

Pertanto, per combattere gli account falsi, Musk spera di avere l'aiuto di sviluppatori di tutto il mondo e un vero sistema di autenticazione degli utenti. Tuttavia, questo problema di account falsi ha scosso il processo di acquisizione dell'azienda. Nei giorni scorsi il tycoon ha annunciato la sospensione parziale del processo di acquisto su Twitter fino a quando non viene confermato che "gli account fake/spam rappresentano meno del 5 per cento degli utenti".

Il problema degli account falsi va così a fondo nel social network che dal 2017 l'azienda non è in grado di verificare quanti di questi profili circolano sul proprio network. In altre parole, Twitter non può fornire un numero esatto, né tanto meno garanzie o percentuali, per il numero esistente di questi tipi di account, che costituiscono uno dei principali problemi di Twitter per Musk. Tuttavia, se il tycoon vuole ritirare completamente l'OPA, dovrà pagare una multa di $ 2000 milioni. Si ipotizza inoltre che si tratti di una strategia negoziale che consentirebbe a Musk di chiedere un prezzo più basso per l'azienda.Sono previste anche riforme in materia amministrativa.

Il magnate ha annunciato che il consiglio di amministrazione della società non riceverà alcuno stipendio e che, inoltre, prevede di rimuovere il social network dai mercati finanziari di Wall Street, decisione che è stata applaudita da Jack Dorsey, co-fondatore di Twitter.

"Riportarlo indietro da Wall Street è il primo passo giusto", ha detto Dorsey, che ha continuato dicendo che "Elon è l'unica soluzione in cui credo".

Inoltre, il magnate ha dichiarato di poter pagare per l'utilizzo dell'app. "Twitter sarà sempre gratuito per gli utenti occasionali, ma può essere un piccolo costo per gli utenti aziendali/governativi", ha affermato. In questo modo Musk cerca di riposizionare un social network che considera dimenticato dai settori commerciali, che spesso hanno paura di promuovere i propri prodotti su una piattaforma dove possono essere distribuiti messaggi altamente controversi.21Media