Kurti invita la Grecia ad unirsi ai paesi che hanno riconosciuto il Kosovo

1 min letto

Nell'ambito del World Economic Forum di Davos, il Primo Ministro del Kosovo, Albin Kurti, ha affrontato il dibattito alla Casa Greca.

Parlando delle migliori relazioni e dell'intensificazione della cooperazione, il Primo Ministro ha affermato che gli incontri tra i politici della Grecia e quelli del Kosovo sono diventati più frequenti di recente. Nel frattempo, le esportazioni del Kosovo verso la Grecia sono aumentate del 160%.

La vicinanza geografica alla Grecia, ma anche il basso costo delle spese rispetto ai paesi dell'Unione Europea, rende il Kosovo un luogo attraente per gli investimenti delle aziende greche, ha affermato Kurti.

Ha affermato che il Kosovo spera che la Grecia si unisca ai 22 paesi dell'Unione europea che hanno riconosciuto l'indipendenza del Kosovo il prima possibile.

Ha anche espresso fiducia che la Grecia possa diventare un leader nell'accelerare l'integrazione dei Balcani occidentali nell'Unione Europea e nella NATO.

Pur condannando l'attacco immotivato e ingiustificato della Federazione Russa in Ucraina, il Primo Ministro Kurti ha parlato della reazione immediata della Repubblica del Kosovo all'imposizione di sanzioni contro la Russia e alla fornitura di assistenza all'Ucraina, esprimendo disponibilità ad accogliere 5mila rifugiati ucraini e fornito alloggio e condizioni di lavoro a 20 giornalisti ucraini./21Media