Nessun caso sospetto con la linea delle scimmie in Kosovo

1 min letto

Il Ministero della Salute ha annunciato che sta seguendo la situazione con l'infezione da Monkeypox, sin dalla comparsa dei primi casi al di fuori del continente africano, negli Stati Uniti, in Europa e in Israele, con oltre 100 casi finora segnalati.

NIPHK ha annunciato che in Kosovo non sono stati segnalati casi sospetti riguardanti Monkey Louse.

Secondo l'annuncio, il NIPHK ha compilato il primo documento con raccomandazioni e misure per le istituzioni sanitarie in merito al vaiolo delle scimmie, che è stato distribuito a tutte le istituzioni sanitarie del Paese e sarà aggiornato con nuovi dati.

"Vi informiamo che siamo in costante comunicazione con l'Oms e l'ECDC, per la valutazione del rischio e le raccomandazioni per le misure da adottare per la malattia in questione", si legge ulteriormente nell'annuncio.

Per quanto riguarda la fornitura di vaccini per tale malattia, il NIPH ha annunciato che il vaccino non è ancora disponibile per la distribuzione e che esiste solo un vaccino contro Variola Vera nel mondo./ 21Media