I Paesi Bassi si "ammorbidiscono" per il Kosovo: ci sono progressi sui visti, ma...

1 min letto

Il primo ministro dei Paesi Bassi, Mark Rutte, un paese scettico sul consentire ai kosovari di viaggiare liberamente nell'area Schengen, ha nuovamente avuto dilemmi sulla liberalizzazione dei visti.

È apparso più indulgente e ha affermato che ci sono stati progressi ma non abbastanza perché la liberalizzazione avvenga.

Ha rilasciato queste dichiarazioni ai giornalisti all'inizio del vertice UE-Balcani occidentali.

"Per quanto riguarda il Kosovo, ci sono più progressi verso la liberalizzazione dei visti, non ancora, ma penso che stiano prendendo provvedimenti", ha detto Rutte.

Nel pomeriggio, i 27 leader dell'UE terranno la loro riunione interna in seno al Consiglio dell'UE.

Si incontreranno anche domani per discutere di varie questioni. Sebbene la liberalizzazione dei visti per il Kosovo non sia all'ordine del giorno, c'è speranza che questo venga discusso dai leader dell'UE.